(ANSA) - ROMA, 18 APR - Sarà una maxi-udienza quella che prenderà l'avvio giovedì mattina in Cassazione per il processo al comandante Francesco Schettino principale imputato per il rovinoso naufragio della nave da crociera 'Concordia', della società di navigazione genovese Costa. Una tragedia colposa - che ha coperto di disonore la marineria italiana - nella quale persero la vita 32 persone tra passeggeri ed equipaggio a causa del maldestro avvicinamento all'isola del Giglio, nell'arcipelago toscano, che la sera del 13 gennaio 2012 si concluse sugli scogli. A fare ricorso alla Suprema Corte, oltre a Schettino che ritiene eccessiva la condanna a sedici anni e un mese di reclusione, c'è anche la Procura della Corte di Appello di Firenze che aveva chiesto 27 anni di carcere. L'udienza successiva è prevista per il quattro maggio ma lo sciopero degli avvocati rischia di far slittare il calendario. Non si conosce ancora quale sarà il giorno del verdetto finale.