Roma, 19 marzo 2017 - Divide la scelta del padre che ha pubblicato su Facebook la foto choc del volto tumefatto del figlio di 13 anni picchiato dai bulli. L'episodio è avvenuto a Mugnano, comune alle porte di Napoli, e l'uomo ha spiegato di avere preso questa decisione per lanciare un appello a tutti coloro che sono vittime di violenza affinché denuncino i loro aggressori. "Gli autori di tali soprusi non devono passarla liscia", ha scritto il papà nel lungo post che ha avuto migliaia di condivisioni, like e commenti. Ma c'è chi lo ha criticato. Lui si difende: "L'ho fatto per suscitare lo sdegno. Forse un semplice post senza la foto non avrebbe avuto la stessa risonanza". E voi cosa ne pensate?