(ANSA) - ROMA, 7 OTT - Un magistrato "che dice delle cose, debba essere sanzionato e punito oppure non possa accedere a delle cariche perché ha espresso un suo punto di vista, è inaccettabile". Lo ha detto il presidente dell'Anm Eugenio Albamonte a margine del congresso straordinario dell'Unione delle camere penali. "Quello che non mi piace - ha aggiunto - è che alcuni, ma non il presidente Legnini, hanno cercato di spostare il piano dalla contrapposizione delle idee alla valutazione disciplinare e punitiva delle idee".