Italia News
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
CALABRIA

Libero dopo aver ucciso la fidanzata
Arrestato per droga ed estorisione

Il giovane, reo confesso dell'omicidio della ragazza di 17 anni, era stato rimesso in libertà per scadenza dei termini. Il legale della famiglia della fidanzata rilancia: "Uccisa perché testimone scomoda"

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Catanzaro, 4 maggio 2008 - Luigi Campise, il giovane di 22 anni che il 28 febbraio dello scorso anno uccise la fidanzata Barbara Bellorofonte, 17 anni, a Montepaone Lido (sulla costa ionica catanzarese), è stato arrestato questa mattina dai carabinieri di Soverato per estorsione, spaccio di droga e minacce. L'indagine, che ha portato all'arresto di altre quattro persone oltre a Campise, è partita con la denuncia del titolare di un locale di Soverato danneggiato da una bomba.

 

Campise era tornato in libertà per scadenza dei termini, nonostante avesse confessato l'omicidio. Nei giorni scorsi, infatti, il Tribunale della libertà di Catanzaro ha annullato la decisione del gip con cui era stata concessa una proroga delle indagini al sostituto procuratore della Repubblica, Alessia Miele. L'udienza per l'omicidio della diciassettenne raggiunta da numerosi colpi di pistola e deceduta dopo venti giorni di coma nell'ospedale 'Pugliese' di Catanzaro è fissata per il 3 giugno.

 

Il legale della famiglia, Enzo De Caro, alla luce degli ultimi sviluppi ha rilanciato un'ipotesi inquietante: Barbara è stata uccisa non per gelosia, ma perché testimone scomoda di qualcuno degli affari illeciti di Campise. ''Si tratta di una tesi originaria seguita dagli investigatori - ha spiegato l'avvocato - ma della quale non si fece più nulla. All'epoca non c'era nemmeno un quadro delle frequentazioni di Campise. A questo punto l'ipotesi diventa più verosimile e potrebbe essere rilanciata tenuto conto dell'arricchimento della personalità di Campise alla luce delle ultime novità".

 

I genitori della ragazza dopo aver saputo dell'arresto hanno detto che ''adesso non rimane che sperare che la giustizia faccia il suo corso e lo faccia veramente come deve farlo''.










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

Cerca  su Quotidiano.net nel Web

LA FOTO DEL GIORNO

Aborto, sit in davanti alla sede del Foglio di Giuliano Ferrara

Aborto, donne in sit-in
in difesa della 194

Un gruppo di donne manifesta davanti alla sede del quotidiano ''Il Foglio'', diretto da Giuliano Ferrara, a difesa della legge 194. 'La maternita' non e' una fatalita', ma una scelta responsabile'', è uno degli slogan