Italia News
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
A PORDENONE

Martoriata nel '95 da Unabomber
muore dopo 13 anni di calvario

Anna Pignat, 83 anni, viveva in una casa di riposo. L'azione del misterioso attentatore l'aveva privata di un braccio e di una mano, ferita all'altro arto e al ventre e resa completamente invalida Commenta

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Pordenone, 12 aprile 2008 - Anna Pignat, 83 anni, martoriata il 30 settembre 1995 da un ordigno collocato da Unabomber, è morta all'ospedale di Pordenone. La notizia viene riportata oggi dal quotidiano "Il Messaggero Veneto".

 

L'anziana donna aveva trascorso gli ultimi tredici anni in un lungo calvario: l'azione del misterioso attentatore l'aveva privata di un braccio e di una mano, ferita all'altro arto e al ventre e resa completamente invalida.
Lo Stato che le aveva negato una pensione e un indennizzo per ciò che le era accaduto.


La donna, il 30 settembre 1995, era intenta a spazzare il marciapiede davanti alla sua abitazione quando aveva notato la presenza di un tubo sull'asfalto. Lo aveva raccolto con l'intento di gettarlo nel cassonetto delle immondizie, ma il pezzo di ferro le era scoppiato in mano.


Solo recentemente - ovvero da quando gli attentati di Unabomber sono stati parificati ad atti terroristici - è stato istituito un fondo per le vittime. Lei, colpita negli anni successivi da un ictrus, viveva in una casa di riposo.

Nessun commento presente
 

Cerca  su Quotidiano.net nel Web

LA FOTO DEL GIORNO

Aborto, sit in davanti alla sede del Foglio di Giuliano Ferrara

Aborto, donne in sit-in
in difesa della 194

Un gruppo di donne manifesta davanti alla sede del quotidiano ''Il Foglio'', diretto da Giuliano Ferrara, a difesa della legge 194. 'La maternita' non e' una fatalita', ma una scelta responsabile'', è uno degli slogan