Sembra un uovo sodo come tanti, ma per metterlo in tavola non c'è bisogno di scomodare alcuna gallina. Il primo uovo vegano è stato brevettato dall'Università di Udine, dove quattro studentesse del corso di laurea magistrale in Scienze e tecnologie alimentari ha inventato un prodotto ideale sia per i vegetariani, sia per chi deve seguire una dieta povera di colesterolo o priva di glutine.

UN UOVO SENZA LA GALLINA

Francesca Zuccolo, Greta Titton, Arianna Roi e Aurora Gobessi hanno perfezionato il loro uovo vegano dopo un percorso di sperimentazione durato un anno e mezzo. Nonostante aspetto e gusto siano quelli di un tradizionale uovo sodo, gli ingredienti sono al 100% di origine vegetale. La ricetta non è ancora nota nel dettaglio, ma si sa che si tratta di un mix di farine di legumi, oli vegetali, un sale speciale e un gelificante per tenere insieme il tutto.

VEGANI, MA NON SOLO
Le ricercatrici hanno spiegato che il loro uovo verrà refrigerato, in modo da essere pronto al consumo, possibilmente da accompagnare con un'insalata o in abbinamento a diverse salse. L'alimento non è pensato solo per ingolosire chi segue una dieta vegana: la componente proteica simula la maggior parte dei sapori e delle proprietà organolettiche di un uovo vero, senza però aggiunta di colesterolo e glutine (quindi va bene anche per i celiaci).

PROSSIMAMENTE IN VENDITA

Nonostante il brevetto (il centesimo dell'Università di Udine) sia stato già depositato, la fase di commercializzazione non sarà probabilmente immediata. Tuttavia, fanno sapere dall'ateneo, alcune aziende si sono già fatte avanti e sono pronte a sedersi a un tavolo per sondare tutte le possibilità. In futuro l'uovo vegano potrebbe sbarcare nei negozi specializzati in cibi biologici o vegetariani, ma anche trovare alloggio nei banchi frigo dei supermercati.