FIrenze, 28 novembre 2017 - E' uno dei cosmetici più antichi del mondo l'olio extravergine di oliva che ha regalato bellezza alle popolazioni del Mediterrano da millenni per le sue qualità naturali e nutrienti. Tanto amabile per la pelle da essere usato fin dalle epoche più antiche come sostanza delicata e lenitiva per gli arrossamenti dei neonati e per regalare elasticità ed energia ai "pancioni". Oggi queste proprietà sono state riscoperte, memore la tradizione orale contadina che dedicava attenzione e rispetto sacro all'oro verde, vera manna per l'agricoltura. Specie in Toscana e in particolare nelle colline intorno a Firenze dove la tradizione e la produzione è eccelsa. Ed ecco che tornano di attualità i prodotti di bellezza a base di olio extravergine di oliva come quelli della collezione a chilometro zero Toscana Terre e Frantoi che sruttano al massimo e in modo puro le proprietà nutrienti ed emollienti per la crema fluida da corpo, quella per le mani, l'anti-age per il viso e il sapone con un packaging vagamente retrò ed assai invitante.

Creme viso Toscana Terre e FrantoiL'idea di questo gentile revival è di Serena Gonnelli, imprenditrice figlia d'arte che con la sua famiglia è proprietaria del famoso Frantoio Santa Tea a Reggello in provincia di Firenze che appartiene loro dal 1585 in modo ininterrotto. Sulla macina principale però è sta incisa la data del 1426, anno della costruzione del frantoio vicino alla cappella di Santa Tea, al tempo di Cosimo de' Medici. Dunque una storia di secoli mai tanto attuale in tempi di valori ritrovati e di tradizioni custodite nel cuore di chi cerca il meglio dalla natura, nelle creme di bellezza e nel nettare delle olive che spopola nel ristorante dell'azienda dei Gonnelli in piazza Pitti, proprio davanti al severo bugnato di Palazzo Pitti, che si chiama proprio "Olivia" e ti conquista con vari tipi di bruschette e fettunte, insieme a un indimenticabile fritto.