Bologna, 8 novembre 2017 - Depositata dal Wwf di Rimini una denuncia per l'uccisione - nei giorni scorsi - di un lupo, a Coriano, il cui cadavere è stato poi appeso per le zampe ad una fermata dell'autobus della frazione di Ospedaletto. Il presidente della sezione riminese dell'associazione, Claudio Papini, ha depositato formalmente alla Procura della Repubblica - si legge in una nota - una denuncia-querela contro ignoti. La denuncia, spiega il Wwf riminese - secondo cui «altre associazioni ambientaliste e animaliste stanno preparando analoghi interventi» - è per ora «contro ignoti» ma si «auspica che le indagini prontamente avviate dalle forze dell'ordine portino rapidamente alla individuazione dei responsabili di questo feroce gesto, che suona come sfida e intimidazione nei confronti di ambientalisti ed animalisti ma anche delle Istituzioni e di tutta la società civile, che ha riconosciuto per legge il lupo come specie altamente protetta e condanna ogni forma di maltrattamento e tortura nei confronti degli animali».

In merito alla vicenda, si legge ancora, il Wwf «esprime il proprio plauso alle Forze dell'ordine che si sono attivate per la ricerca dei responsabili e chiede nella denuncia che siano compiuti tutti gli accertamenti scientifici, i sequestri probatori ed i rilievi analitici ed autoptici utili e necessari per la individuazione degli autori di questo gesto ignobile e feroce». 
animali@quotidiano.net